Home Arte e Cultura TUTTO VA BEN, MADAMA LA MARCHESA
TUTTO VA BEN, MADAMA LA MARCHESA PDF Stampa
Percorsi Tematici - Arte e Cultura
Domenica 15 Novembre 2009 20:09

È solo uno dei tanti detti o proverbi che utilizziamo tutti i giorni, ma di cui mai ci chiediamo l’origine. Infatti, diamo il significato scontato secondo quello che le parole stesse sembrano esprimere, invece sarebbe interessante capirne la provenienza, perché sicuramente esiste.

E vai con internet: scriviamo le parole nel rettangolino ”cerca” di un motore di ricerca qualsiasi ed ecco che esce fuori tutto lo scibile umano relativo alla… marchesa. Cosa ti scopro: il primo riferimento è relativo proprio alla sua origine, cioè ad una canzone lanciata in una delle prime riviste radiofoniche (vedi video).Il testo è proposto allegramente e ironicamente, invece è una canzone tragica in cui ci sono diverse notizie nefaste, ma alla fine, malgrado ciò va tutto bene mia nobile marchesa. Tempo di risoluzione del problema: circa 12 secondi.

Proviamo a risolvere il problema della ricerca usando la vecchia enciclopedia. Di quanto tempo abbiamo bisogno? Intanto, ci ricordiamo che serve la capacità d’uso dell’alfabeto. Vi sembra una idiozia: voi non immaginate quanti ragazzi lo hanno dimenticato, senza farne una tragedia. Provate a chiedere una ricerca del genere ad uno dei vostri giovani figli. Il risultato sarà davvero incredibile: ore ed ore per cercare di trovare da dove viene marchesa.

Attraverso l’uso del vocabolario, ci scorrono sotto gli occhi anche altre parole che possono carpire la nostra attenzione ed involontariamente ne potremmo acquisire il significato. Ripenso: ma guarda dove siamo giunti con internet. Ma è davvero una conquista? L’enciclopedia ci trasferisce la cultura in maniera romantica insieme al profumo della carta stampata - immagine del sapere legata ai secoli trascorsi - . Un libro di oggi stampato con carte particolari e con conservanti chimici ha una vita intorno ai cento anni, mentre quelli antichi di 5-600 anni sono ancora in condizioni di sopravvivere al tempo ed all’ usura. Ne sono testimonianza le tante biblioteche.

Ma torniamo all’era internet: cosa possiamo fare per non dimenticarci chi siamo e da dove veniamo? Io direi, in controtendenza a quello che si vocifera, di riscoprire il libro fisico, insistendo nel continuare ad usarlo nelle scuole e di non sopprimerlo inserendo l’uso esclusivo dell’e-book - libro elettronico che si trasporta su di un dvd - Dovrebbero essere usati entrambi sia per andare verso il futuro, sia per non ritornare dal futuro. In questo contesto sono fondamentali l’esempio e la posizione rigida delle generazioni intermedie.

Mi va bene di volare con la fantasia, ma non vorrei fare la fine di Icaro. A proposito, chi era Icaro? Una attimo che apro internet … mannaggia, ci son cascato! Terenzio Fusco